Nest Hub di Google, il nuovo modello monitora anche il sonno

Google Nest Hub monitora il sonno

Siamo sempre più attenti alla nostra salute e le grandi compagnie tecnologiche lo sanno bene e vogliono essere di supporto in questo processo di prevenzione. Anche gli smart speaker sono qui per fare la loro parte ed aiutarci.

Google, si è accorta che sul suo motore di ricerca c’è sempre più richiesta da parte degli utenti su temi riguardanti il proprio benessere. In particolare, in molti, vorrebbero migliorare la propria qualità del sonno. Dopo tutto dormire non costa alcuna fatica, quindi perché non farlo nel modo migliore possibile?

Monitorare il sonno senza intralci.

La grande azienda ha scoperto che uno su cinque dei suoi hub acquistati è di solito posizionato di fianco al letto. Vuole sfruttare questo vantaggio posizionale per offrire, così, la migliore esperienza d’uso.

Nella nuova versione dei suoi Nest Hub, da pochissimo rilasciata, ha così deciso di aggiungere ulteriori sensori per monitorare il sonno.

Al fantastico display frontale da 7 pollici ed il suo rivestimento in tessuto ora sono stati aggiunti sensori in grado monitorare i movimenti e il respiro nel sonno della persona più vicina. 

La qualità del nostro sonno può così essere misurata senza scomodi braccialetti o ulteriori dispositivi e tutti i dati raccoltis restano nel nest hub, facilmente cancellabili in qualsiasi momento.

In questo modo si potrà avere quotidianamente il proprio riepilogo sul proprio sonno quotidiano: “Ehi google come ho dormito?”.

Ovviamente starà al nostro assistente vocale il compito di darci consigli su come dormire meglio, magari ascoltando delle frequenza particolari dal nostro speaker prima del sonno.

Salute a 360°

Google ha recentemente acquistato Fitbit certa che con la sua tecnologia e i dati raccolti possano offrire un prodotto completo al consumatore e la sua salute.

Basta solo dormire con un Nest Hub affianco ed il gioco è fatto.

LEGGI ANCHE:
Google sempre più accessibile con un nuovo tool di eye-tracking
Smart speaker, Google Assistant domina su Amazon e Apple

Comments are disabled.