Le macchine volanti sono sempre più vicine, grazie ai test di un’azienda tedesca

Potrebbe sembrare un film di fantascienza, ma è tutto vero. Un’azienda aerospaziale tedesca ha brevettato un prototipo di macchina volante che potrebbe diventare realtà.

La compagnia Lilium, con sede a Monaco di Baviera, ha pubblicato il video del primo test di volo di un taxi aereo a cinque posti. Nel filmato si vede il velivolo, alimentato da 36 motori completamente elettrici, che decolla e rimane sospeso in aria tra i festeggiamenti e le grida generali. L’idea è quella di utilizzare il velivolo come un taxi sospeso in aria che abbia lo stesso costo (o quasi) di un taxi tradizionale.

“E’ la svolta dei trasporti come li abbiamo sempre conosciuti” dice il co-fondatore della Lilium, Matthias Meiner, nel video. “I primi voli sono sempre i più difficili, ma il lancio per noi rappresenta soltanto il primo passo di un lungo percorso.”

L’obiettivo è produrre il taxi volante entro il 2025 e di distribuirlo tramite un’app in stile Uber con la quale i clienti potranno connettersi a ai dispositivi tramite piattaforme di atterraggio sparse per la città.

Lilium non è l’unica azienda che punta a produrre la prima macchina volante. Il mese scorso la compagnia cinese produttrice di droni Ehang ha mostrato alla stampa austriaca un’anteprima ravvicinata della sua versione, simile ad un drone gigante, capace di percorrere fino a 35 km senza bisogno di essere ricaricato.

A gennaio, l’azienda aerospaziale americana Bell aveva svelato la sua versione del taxi aereo che ha in programma di rendere disponibile tramite Uber entro il prossimo decennio. Il modello della Bell ha quattro posti, con sei eliche giganti capaci di inclinarsi a seconda della destinazione desiderata.

Anche il cofondatore di Google, Larry Page, si è dimostrato interessato all’industria dei taxi aerei, investendo in tre diverse aziende aerospaziali

Secondo queste ultime, l’opzione del taxi volante sarebbe un’alternativa sostenibile per gli spostamenti urbani, in quanto contribuirebbe alla diminuzione del traffico su strada

LEGGI ANCHE:
– Dall’intelligenza artificiale una chiave per scoprire i tumori
– I media e le nuove piattaforme: a quali cambiamenti andiamo incontro?

Go to Technology Pusher